Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per nascondere questo avviso e accettare di utilizzare i cookie clicca sul pulsante OK. 

instagram youtube facebook

INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL FIUME ALBEGNA

Nel novembre 2012 il Fiume Albegna esondò; vite umane, case, campi ed aziende furono travolte e distrutte dalla forza delle sue acque. La Regione Toscana ha compiuto uno studio sull’evento alluvionale che tanto ha segnato il nostro territorio, e sulla base di questo il Consorzio Bonifica 6 Toscana Sud ha definito quali debbano essere gli interventi strutturali e di regimazione prendendo come base il ripristino dell'originale sezione di deflusso.

Elezione del Presidente

Si è tenuto oggi il primo consiglio del Consorzio Bonifica 6 Toscana Sud, il nuovo Ente nato dalle elezioni che si sono tenute lo scorso 30 novembre e che include i comprensori dei Consorzi Bonifica Grossetana ed Osa Albegna, e delle Unione dei Comuni della Val di Merse, delle Colline del Fiora, dell’Amiata e Val d’Orcia. Il Consiglio è costituito da 15 consiglieri eletti (Luca Agostini, Renzo Alessandri, Fabio Bellacchi, Giuseppe Bozzini, Mauro Ciani, Paolo Coli, Jacopo Colozza, Luigi Fanciulli Del Casino, Roberto Fanti, Gloria Faragli, Tiziano Faragli, Mario Lolini, Massimiliano Marcelli, Franco Petri, Franco Smedile) e da 11 rappresentanti delle amministrazioni comunali e provinciali di Grosseto e Siena e della Regione Toscana (Emilio Bonifazi, Marco Galli, Giancarlo Innocenti, Emilio Landi, Marco Mariotti, Fabio Savelli, Stefano Scaramelli, Bruno Valentini, Leonardo Marras, Simone bezzini, Sergio Bovicelli). Il Consiglio, presieduto dal Commissario Straordinario Ing. Renzo Ricciardi, ha eletto l’Ufficio di Presidenza composto dal Presidente Fabio Bellacchi, il Vice Presidente Mauro Ciani e dal terzo membro Marco Mariotti, Sindaco di Buonconvento. Dopo l’assemblea l’Ufficio di Presidenza si è immediatamente riunito per impostare il lavoro ed indire il secondo Consiglio per il 14 marzo alle ore 15, che stabilirà le priorità degli interventi da effettuare sul comprensorio.

SEGNALAZIONI