Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per nascondere questo avviso e accettare di utilizzare i cookie clicca sul pulsante OK. 

  

UN NUOVO MEZZO PER LA MANUTENZIONE PER IL CONSORZIO BONIFICA 6 TOSCANA SUD

All'acquisto del nuovo trattore Fastrac del luglio scorso e nell’ottica di una sempre maggiore efficienza nei tanti lavori sul territorio e di una risposta sempre più efficace alle tante richieste dei propri contribuenti, il Consorzio Bonifica 6 Toscana Sud prosegue nel rinnovamento del suo parco macchine. Da lunedì 5 marzo infatti, potrà contare su un altro mezzo d’opera di ultima generazione.

belfast.JPG

Nel dettaglio, si tratta ancora di un trattore Fastrac, appena più piccolo per dimensioni e potenza del precedente. Basso impatto ambientale e minori consumi, le sue caratteristiche principali che lo rendono assolutamente al passo con i tempi e le normative vigenti. Una macchina che verrà impiegata su tutto il territorio del Consorzio, tanto in provincia di Grosseto che in quella di Siena, a seconda delle necessità, principalmente nella manutenzione ordinaria, per lavori di trinciatura. Ma proprio per la sua potenza, potrà anche trovare altri impieghi, come per lavori di attacco delle idrovore mobili, o in azioni di spostamento mezzi, data la sua capacità di traino.

fast2.JPG

“È un altro mezzo di ultima generazione, che ci consente una migliore qualità di lavoro sul nostro vastissimo territorio – ha commentato, Fabio Bellacchi, presidente del Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud - Un’ottima macchina anche per quanto riguarda i consumi che sono più contenuti. Ma la cosa importante è che noi siamo presenti sul territorio, sia in provincia di Grosseto che in quella di Siena, sempre più con mezzi e personale nostro, il che ovviamente ci consente poi di ridurre i costi. Beneficio che si traduce anche in una minore pressione tributaria a carico dei nostri contribuenti”.

fast1.JPG

Tanti infatti i cantieri aperti nelle due province, malgrado una finestra invernale molto rigida, non solo sui corsi d'acqua principali, ma anche sui tanti minori che compongono il vastissimo reticolo idraulico e che necessitano di una continua e costante opera di manutenzione ordinaria, per la quale il nuovo Fastrac, risulterà un mezzo assolutamente al passo con i tempi.