Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per nascondere questo avviso e accettare di utilizzare i cookie clicca sul pulsante OK. 

  

Cordoglio per la scomparsa di Luciano Machetti

Il Consorzio 6 Toscana Sud, il Presidente, il Direttore ed i colleghi tutti si stringono intorno alla famiglia dell'Ing. Luciano Machetti in questo momento di grande dolore.
Alla famiglia va il nostro più sentito cordoglio.

Dolore e sgomento tra i dirigenti e i colleghi del Consorzio 6 Toscana Sud. La notizia della tragica scomparsa di Luciano Machetti, 60 anni, è piombata nello stabile di viale Ximenes, lasciando senza parole tutti coloro che hanno avuto modo di conoscere e lavorare con l’ingegnere idraulico morto sulla spiaggia di Principina sabato pomeriggio. 

E' stato a lungo il direttore del Consorzio Osa Albegna, prima dell’intervento della legge regionale 79/2012 che ha portato alla nascita del Consorzio 6 Toscana Sud, in cui è confluito l’ente. Dopo la fusione, aveva assunto nuovi incarichi all’interno della neonata struttura: a lui erano stati affidati prima la gestione delle gare e degli appalti, poi il settore delle concessioni.

«Una vita spesa all’interno del sistema della bonifica a cui è approdato nel 1989, dicono i colleghi, che lo descrivono come un professionista serio, preparato, competente. E di questo mondo l’ingegner Machetti era davvero profondo conoscitore. Da persona sensibile quale era, la sua storia umana è stata segnata profondamente dal dramma delle alluvioni che hanno messo in ginocchio la Maremma, nel 2012 e poi nel 2014 - spiega il presidente Fabio Bellacchi -. La sua morte improvvisa e prematura ci addolora profondamente. L’intero Consorzio piange la sua perdita». 

Il sentimento del Consorzio 6 Toscana Sud è condiviso da ANBI Toscana: «Tutti conoscevano e stimavano Luciano Machetti – commenta il presidente Marco Bottino -. Un uomo e un professionista apprezzato dai dirigenti e dai colleghi, che con lui hanno avuto modo di collaborare nel corso dei suoi 30 anni di esperienza all’interno del sistema. Impossibile dimenticare la passione con cui si è dedicato ai “suoi” fiumi e l’amore per la sua Maremma».